House of Cards 5: il giro di boa

I primi episodi di House of Cards 5

Per tutti coloro che si sono persi i primi episodi o hanno cominciato ad appassionarsi adesso a House of Cards 5, la quinta stagione della fortunata serie televisiva ricominciata il 31 maggio, può essere necessario ricapitolare quanto successo fino a questo momento, perché la storia è ormai entrata nel vivo e la trama si sta facendo davvero avvincente, quindi non ci si può perdere nemmeno un passaggio.

House of Cards 5 è ambientato a Washington e racconta le imprese di Frank Underwood, che tenta di raggiungere i piani alti del potere tra inganni e trucchi astuti, aiutato dalla moglie Claire. All’inizio della stagione, a qualche settimana di distanza dalle elezioni, degli Stati hanno dichiarato di non voler ratificare la votazione, costringendo i candidati ad una situazione di stallo. Mentre la cittadinanza protesta per i problemi con l’elezione del presidente, Frank cerca di guadagnare tempo, spiegando le modalità attraverso cui verrà scelto il suo possibile sostituto.

Nel frattempo Claire scopre che il gradimento del marito è calato, dunque tenta di sfruttare il proprio potere per incontrare tre senatrici e portarle dalla propria parte, ma il tentativo fallisce. Lo stesso Frank minaccia invece Alex Romero, per arrivare ai voti necessari a raggiungere il quorum. Nonostante gli sforzi dei due coniugi, le votazioni non vanno come sperato e Frank fallisce miseramente.

Claire, forte di un consenso ancora solido, viene nominata presidente ad interim, ma intanto i rapporti coi russi peggiorano e ogni accordo con la Casa Bianca viene sospeso.

Claire è sempre più scettica sulla possibile rielezione del marito, visto che le relazioni con i russi continuano a deteriorare ed emergono alcune indiscrezioni su un possibile accordo tra i sovietici e Aidan, uno dei funzionari di stato, per diffondere documenti segreti che intaccherebbero la reputazione di Frank.

Gli ultimi episodi di House of Cards 5

Negli episodi andati in onda lo scorso 21 giugno Frank e Claire continuano a litigare per la difficile situazione ma, di comune accordo, scelgono di procedere uccidendo un terrorista a Damasco, per far intendere all’ICO le loro intenzioni. Qualche istante dopo il successo della missione il bunker in cui si trovano i due coniugi è evacuato per colpa del furto di una camionetta con carichi nucleari. Doug svela a Frank che dietro al furto c’è Brockhart, che potrebbe diventare vice presidente, qualora Conway fosse eletto.

Dopo il diversivo di Brockhart, Frank e Claire si incontrano all’Eliseo con tutta la setta segreta del Corvo. Frank ottiene sempre più informazioni sui piani di Brockhart e sul suo tentativo di ascesa insieme a Conway, invece Claire incontra il ministro cinese Xu per prendere accordi di natura economica e provare a redigere un nuovo piano.

Purtroppo l’incontro viene interrotto da un’altra emergenza, perché una nave di grosse dimensioni sta rischiando di affondare nelle acque americane. Claire tenta di tornare alla carica offrendo aiuto a Petrov, che tuttavia non ne vuole sapere di sostenerla.